CRONACA SEMISERIA DI UN RADUNO...

visto da Buzz (inoltre: la cronaca di Andrea62 e di Enea Fiorentini e di Dario JB)

Da un anno, con questa storia del Raduno sul Gran Sasso, sono diventato il tormentone del NG.  Dopo il brutto tempo ad ottobre e lo spostamento di data a fine giugno, ormai ci siamo.

E' giovedì sera. Ho appuntamento con Kluge alla periferia di Roma. Saremo i primi ad arrivare a Prati di Tivo. Carichiamo il furgone che per tre giorni sarà il nostro campo base e si va. Soliti scongiuri per il tempo, che dopo un mese di caldo africano sembra prometta tempeste e trombe d'aria....

Però sono euforico. Non credo, non "sento",  che qualcosa verrà a turbare questo raduno, fortemente voluto e tanto aspettato.

Per dirla con le parole di un'altro niusgrupparo, rubate ad un suo amico... "se il tempo è brutto, peggio per lui..." o, se preferite, per dirla con Uliacci... "me ne frego!!!"

Arriviamo a Prati di Tivo. C'è un forte vento ma è tutto sereno. Nemmeno uno sfilaccio di nuvola intorno alle rocce del Corno Grande e del Corno Piccolo, illuminate dalla luce del tramonto. E' una condizione rara.

Mangiamo, gironzoliamo, parliamo di vie... poi ci mettiamo a dormire. Nemmeno il tempo di appoggiarmi mi sembra (e invece sono passate due ore) e dei rumori mi svegliano, due facce guardano dai vetri posteriori del furgone.
Shocked
Arghhh.. sono facce da delinquenti! .... per fortuna li conosco!

Ahhh sono arrivati!!!  Esco, vedo Uli, JB (entrambi li conosco dal raduno di Ferentillo) e un altro, che so essere Ragnux. Qualche parola farfugliata, mentre mi sveglio del tutto... poi mi sento euforico: ci siamo! ora comincia il raduno!  Li abbraccio per salutarli. Ragnux ha una faccia simpatica. Tutti i giorni ci parliamo in chat... il tempo di abituarsi al fatto che di fronte non hai solo un nick ma una persona in carne ed ossa sarà breve... in realtà ci conosciamo bene!

mutatis_smutandam.jpg (15658 byte) Subito parte il cazzeggio. Ovviamente dato che dormivo, sono uscito in mutande... altrettanto ovviamente vogliono fotografarmi! Embarassed

Mi rivesto fulmineamente contrastato da Uli che cerca di impedirmelo!
Iniziano gli schiamazzi notturni, disperazione dei camperisti nei giorni successivi. 

Siamo qui per arrampicare? e arrampichiamo allora...!!!
uli_river.jpg (56978 byte)

Al mattino successivo si va a scalare. Abbiamo anticipato di un giorno proprio per poter godere delle pareti a nostra scelta.  Dopo conciliabolo decidiamo di andare sulla seconda spalla del corno piccolo, un susseguirsi di placche calcaree di 200 metri sulla quale si rincorrono e incrociano vie per tutti i gusti.

II_spalla_klein.jpg (59243 byte) Ci dividiamo in 2 cordate. Io, Kluge e Uliano + Jb e Ragnux; gli "alpinisti" vs i "falesisti" (culattoni ovviamente). Finiremo, entrambe le cordate ad invadere i rispettivi territori: noi su vie spittate; loro su tiri da proteggere...

Fra venerdì e domenica 4 cordate si sono intersecate su alcune vie della seconda spalla, con un lavoro di taglia e cuci dovuto all'estro del momento, a errori di individuazione delle vie o obbligati dall'affollamento (domenica).

II_spalla_vie.jpg (55597 byte) Cliccando sull'immagine sopra la traccia delle vie seguite e per delle foto del primo giorno invece cliccare qui.

Inutile dire che ci si diverte alla grande sulla splendida roccia della II Spalla. JB, con uno sgargiante caschetto rosa si cimenta nel posizionare friends (ad un palmo dallo spit non visto...) malamente apostrofato da Uliano, banfante più che mai dopo il primo tiro di 6A affrontato con lo zaino!

Io all'inizio faccio riprese, poi tiro due lunghezze facili e lascio il comando della cordata a Uliano, il quale s'imbarca su una cengia alla ricerca della via più comoda (:-D) e ci rovina la bella linea che Kluge ed io avevamo tracciato fino a quel momento! Twisted Evil
Si arriva su, si scende in doppia il tempo tiene, la fame aumenta.

Si torna al campo base!
Poco dopo il ritorno alla base ecco arrivare il prode Allofull, gran cantiniere del NG, nemico degli etilometri. La panda sembra avanzare sue due ruote, impennata, quanto è carica di vino, olio e quant'altro. Mostrando una destrezza e una rapidità che se l'avesse in montagna scalerebbe con Bubu, Allofull stappa bottiglie a ripetizione... il tempo di cucinare una carbonara e siamo alla 4a bottiglia finita!  Rolling Eyes
buzz_kluge.jpg (44159 byte)

carbonara.jpg (34236 byte)

Dopo diversi bicchieri di vino e aver riempito la panza, Uli veste gli arditi panni del Camerata Uliacci, dando dimostrazione là, sulla pubblica piazza, ad un pubblico dallo sguardo velato (Allofull), delle terribili incognite dell'arrampicata in solitaria con il grigri modificato.

uliacci.jpg (56980 byte)

(La ciabatta d'ordinanza è in vendita sul sito del NG)

Il Camerata Uliacci viene accolto degnamente

Intanto corrono nell'etere notizie della macchina del Topocane, noi al campo base siamo alticci certo, ma anche loro non scherzano... alla fatidica domanda "dove siete?" il topocane risponde dando le coordinate dal GPS (e me le manda pure in SMS! che quando le ho vite pensavo ad una pubblicità di Tim).

I niusgruppari convergono alla spicciolata sul luogo del raduno ...

Intanto arriva Enea, con Andrea62, (fai click sul nome per la usa cronaca del raduno) Norbert, nonché altri amici, e, insieme, si uniscono ai copiosi brindisi...

foto_gruppo1.JPG (30720 byte)

da sx: Ragnux, Amico di Enea, Enea, Andrea62, Norbert, Buzz, Uliano, Allofull, Kluge... la foto appare velata da quelli che sono, probabilmente, i noti "fumi dell'alcool"...

Intanto, all'imbrunire, arriva Zyon, presentazioni di rito, JB e Ragnux, è come se si fossero appena svegliati (!) sono attivissimi. Si bighellona per Prati di Tivo, si beve, si da fondo alle scorte di ovetti kinder, mentre si attende l'arrivo della Topo-Wagen, con a bordo la mitica Elena Gatta, Tommy, SerE, Gioponz e Heidi (i Topocani).

Ad un'ora imprecisata arrivano!!!! (è imprecisata nella mia memoria obnubilata da sostanze moralmente sconvenienti e/o legalmente discutibili.

   

Grandi feste, saluti e abbracci e si ricomincia a bere e mangiare... per festeggiare degnamente l'arrivo della topo-wagen. Nessuno in quel momento era in grado di manovrare strumenti tecnologicamente avanzati come una macchinetta fotografica, per cui non si hanno, a quanto sembra, prove documentali.

A poco a poco, la stanchezza e gli additivi hanno il sopravvento... e si comincia a pensare di ritirarsi a dormire.

Qualche sconsiderato però organizza una gara di boulder su una paretina artificiale.
Il premio del più somaro lo vince Allofull, che si storce una caviglia e si scortica una mano!

Alla fine, tutti se ne vanno a dormire, chi nei furgoni, chi nelle maggioline, chi negli accoglienti locali del SIGET.

e come disse il Camerata Uliacci...: "domani è un altro giorno." (o era qualcun altro?  Booo....)

continua....